Crea sito

L'AMBO IN NER CARNOVALE nei Sonetti del Belli

    T'aricordi, compare, che indov'abbito
Vienì un giorno pe sbajjo la bbarella?
Bbe', all'astrazzione che ss'è ffatta sabbito,
Ciò vvinto un ambo a mmezzo co Ttrippella.
    E oggi pijjamo a nnòlito un bell'abbito,
Lui da pajjaccio e io da purcinella,
Perché la serva de padron Agabbito
Sta allancata de fà 'na sciampanella.
    Tu, ccaso che tt'ammascheri da conte,
Viecce a ttrovacce all'Osteria der Moro,
In faccia a Gghetto pe sboccà ssur Ponte.
    E ssi mmai Titta pò llassà er lavoro,
Portelo co lo Sguizzero der Monte,
Ché Ggiartruda ne tiè ppuro pe' lloro.

                      17 febbraio 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti