Crea sito

ER GIOCO DE CALABBRAGA nei Sonetti del Belli

    S'er mi' fio sciuco me porta lo stocco,
Titta, sciabbuschi quant'evvero er Papa.
No, un cazzo, un accidente, sora crapa.
Aló, famo moschiera, o vv'aribbocco.
    Be', ssentìmesce l'oste: "Ah padron Rocco,
Fate capasce sta coccia de rapa!
Dite, è vvero che ll'asso nun ze capa?"
Ahàa! lo senti? oh caccia mo er bajocco.
    Aù! nun pòzzo abbozzà ppiù nun pòzzo.
Sentime, Titta, si ttu no lo cacci,
Va che mommó te lo fo usscì dar gozzo?
    Ah fugghi, guitto? fugghi? accidentacci!
ssciòo, va' in Ghetto a impeggnatte er gargaròzzo
Pe ddì stracci ferracci chiò scherpacci.

                      19 agosto 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti