Crea sito

L'IMPICCATO nei Sonetti del Belli

    Pe vvia de quella miggnottaccia porca
Che sse fa sbatte dar Cacamme in Ghetto;
E, vvàjjelo a ccercà ccor moccoletto,
Nun tiè più mmanco un pelo in ne la sorca;
    Che ppare, Iddio ne guardi, si sse corca
Un cadavero drento ar cataletto;
Ecco cqui, ss'ha da vede un poveretto
Finì li ggiorni sui sopr'una forca!
    Però bbeato lui che ffa sta morte!
Perché, mettemo caso abbi peccati,
È ppell'anima sua propio una sorte.
    De millanta affogati e quarchiduno
Se pò ssarvà: ma de scento impiccati
Ammalappena se n'addanna uno.

        Roma, 14 settembre 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti