Crea sito

L'AMICHI ALL'OSTERIA nei Sonetti del Belli

    Hai raggione per dio! nun zò ccattive
Ste sciriole. - E tte piasce er marinato?
Me tiro un antro pezzo de stufato.
Maggnete st'ova, elle ssò ffresche vive.
    - Pe mmé, cquanno ho ppijjato antre du' olive
Ce n'ho dd'avanzo, ché ssò ggià arrivato.
... No, nun me fà ppiù bbeve: ho ssiggillato.
- Chi bbeve pe mmaggnà mmaggna pe vvive.
    - Ma eh? ccorpo dell'anima de Ghetto!
Pare er pisscio, sto vin de Pontemollo,
Dell'angelo custode bbenedetto?
    - Ohó! cciavemo ancora un antro pollo?
Maggni ala o ccosscia? - No, nnemmanco er petto:
Si mme vòi fà sscialà, ttajjeme er collo.

Nella locanda di Monterossi, 10 ottobre 1831

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti