Crea sito

ER LEGGNO A VVITTURA nei Sonetti del Belli

    Eh ttrotta, p'er tu' cristo che tte strozza:
Ch'edè sto trainanà da cataletto?
Varda che bbestie da vennesse in Ghetto!
Nun pareno somari de la mozza?
    Sai cuant'è mmejjo de marcià in carretto,
Che dd'annà a spasso drent'a sta carrozza?
Se discurre che ggià cquela bbarrozza,
Va', cc'è ppassat'avanti un mijjo netto!
    Io che ccucchiere sei me sce strasecolo;
E mme fa spesce a mmé dde padron Fabbio,
Pòzzi campà ccent'anni men un zecolo.
    Su, sfrusta ste caroggne senza peli,
Che ppare che ccarreggino lo stabbio
O pportino er Bambin de la Resceli.

In vettura, da Nepi a Monte Rosi, 13 novembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti