Crea sito

NISSUNO E' CCONTENTO nei Sonetti del Belli

    Che nnova sc'è? nnun te l'avevo detto?
Nun zò ancora le bbujje terminate,
C'ariecchete st'antre chiacchierate
Contro de sto governo poveretto.
    Nun potenno ppiù avé cquadrini in Ghetto,
Pe ppareggià l'introito co l'entrate
Voleveno aristriggne le mesate;
E ttutti s'arivorteno ar proggetto!
    E ddisceveno jjeri scerti tali:
"Perché a nnoantri soli sto bber fatto,
E sse lasseno stà li cardinali?"
    Ma cchi pparla a sto modo è un cazzo-matto;
E averìano d'intenne st'animali
Che cquella llì nun è mmesata: è ppiatto.

       Roma, 28 novembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti