Crea sito

LE LAGGNANZE nei Sonetti del Belli

    Già le sapemo tutte le cuarelle
Che smòveno cqua e llà li ggiacubbini;
Ch'er Governo è una torre de Bbabbelle:
Che ttutto l'ojjo va ne li lumini:
    Ch'er Zantopadre è un capo d'assassini:
Che dder popolo suo ne vò la pelle:
Che cquanno l'omo nun ha ppiù cquadrini
L'arricchissce cor cressce le gabbelle:
    Che cqua ssemo in ner Ghetto de la Rua:
Che li sudditi porteno l'imbasti,
E 'r vino se lo bbevono uno o ddua...
    Che?! Aspetta ar Papa de toccà sti tasti,
Perché ne sa ppiù er matto a ccasa sua
Ch'er zavio a ccasa d'antri: e cquesto abbasti.

           Roma, 26 dicembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti