Crea sito

ER PIEDE ACCIACCATO nei Sonetti del Belli

    Cuanno t'ho cchiesto scusa è una sscemenza
Che ffai sto ghetto e cce bbestemmi Cristo.
Tu ssei puro un regazzo de cusscenza
Pe nnun crede un compaggno accusì ttristo.
    Cuanno t'ho ddetto io nun t'avevo visto,
Sc'è bbisoggno de bbattesce in credenza?
Me te metti de dietro, e ssi tte pisto
Li piedi, è ccorpa tua, abbi pascenza.
    Subbito che lo sai che ssei de vetro,
Nun ficcamme le zampe tra li piedi,
Ch'io sciò ll'occhi davanti e nnò dde dietro.
    Eppoi, crede de mé cquello che ccredi;
Ma ttu cquanno te bbuggera Don Pietro,
Dimme la verità, Nnino, lo vedi?

             Roma, 20 gennaio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti