Crea sito

NONO, NUN DISIDERA' LA DONNA D'ANTRI

    Forze a Rroma sciamàncheno puttane
Che vvai scercanno le zzaggnotte in ghetto?
Vòi fotte? eh ffotte co le tu' cristiane
Senza offenne accusì Ddio bbenedetto.
    Cqua per oggni duzzina de Romane
Un otto o un diesci te guarnissce er letto:
E cche pòi spenne? Un pavolo, un papetto,
E dd'un testone poi te sciarimane.
    Eppuro tu ssei bbattezzato, sei:
E nnun zai che cquann'uno è bbattezzato
Nun pò ttoccà le donne de l'ebbrei?
    E una vorta c'hai fatto sto peccato,
Hai tempo d'aspettà lli ggiubbilei:
Se more, fijjo mio, scummunicato.

            Roma, 1 febbraio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti