Crea sito

COSE ANTICHE nei Sonetti del Belli

    Propio bbisoggna dì cc'all'Angeletto,
Ar Moro, ar Gallo, e in quarc'antra ostaria
M'abbino bbattezzato pe 'na spia
Che ttiè oggni cosa ariservat'in petto.
    Che ccosa m'ho da intenne io si er Messìa
È nnato prima o ddoppo de Maometto,
Oppuro de Mosè? Vvadino in Ghetto
A ffà ste sciarle: vadino in Turchia.
    Sò impicci da sbrojjà ddoppo tant'anni?
L'omo nun pò ssapé cche cquer c'ha vvisto:
Ma eh? nun dico bbene, sor Giuvanni?
    Prima o ddoppo, cchi vvòi che jje n'importi?
Bbasta, o Mmosè, o Mmaometto, o Ggesucristo,
Quello ch'è ccerto è cche ssò ttutti morti.

                30 novembre 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti