Crea sito

ER PESSCIVENNOLO nei Sonetti del Belli

    Un lustrino lì scèfoli?! Un grossetto
Li merluzzi in ste razze de ggiornate?!
Attaccàtesc'er voto, sor pivetto,
Che vvoi, questi che cqui, nnu li cacate.
    Oh ffàteme er zervizzio, annate in Ghetto
A ccontrattà cco li par vostri, annate;
E cquanno avete er borzellino agretto,
Scerte grazzie-de-ddio nu le guardate.
    Puzza?! Ve puzzerà un tantino er culo.
Lo sapete pe vvoi quello c'odora?
Un frittarello de cojjon de mulo.
    Guardate si cche stommichi da pessce!
Maggnate la pulenta; e ccusì allora
Vederete ch'er pranzo v'ariessce.

                       25 aprile 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti