Crea sito

ER RISPETTO A LI SUPRIORI nei Sonetti del Belli

    Chi mmette sù er padrone? Uno è quer zozzo
Bbrutto vecchio bbavoso cataletto
Der zor mastro-de-stalla: e a llui ggià ho ddetto
Che ttant'ha da finì cch'io me lo strozzo.
    L'antro poi che l'inzórfora è un pivetto
C'un mes'addietro j'amancava er tozzo,
E mmó cch'è entrato in scuderia pe mmozzo,
Tiè una ruganza da Cacàmme-in-Ghetto.
    E nnu lo vò ccapì cch'io sò ccucchiere,
E cc'ho ppiù età de lui, e cche ppe cquesto
Lui m'ha da rispettà ccom'è ddovere.
    Lo soo, ttutta farina der vecchiaccio.
Ma io te ggiuro, da quell'omo onesto
Che mme posso avvantà, cch'io je la faccio.

                       28 aprile 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti