Crea sito

ER ZARTORE nei Sonetti del Belli

    Ricco un zartore mó?! Stateve quieti.
A sti tempacci che o nun c'è llavore,
O nnun ze paga, chi ffa st'arte more
De la morte che ttocca a li poeti.
    Quanno che li Padriarchi e li Profeti
Se squarciaveno addosso er giustacore,
Quello si cch'era er tempo c'un zartore
Se poteva arricchì ccome li preti.
    Poi, bbast'a vvede l'accommida-panni
Si cche ffrega in ner Ghetto de la Rua
N'è ssaputa restà ddoppo tant'anni.
    Lo so, lloro averanno arippezzato:
Ma, arittoppa arittoppa un mese o ddua,
Finarmente er zartore era chiamato.

                 4 dicembre 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti