Crea sito

ER FAGOTTO PE L'EBBREO nei Sonetti del Belli

    Ecco che cce s'abbusca a sservì ddonne,
Massimo quanno sò cciucce da some.
Lei m'aveva da dì nnome e ccoggnome
Perch'io nun me sciavesse da confonne.
    Lei però, ssecca secca, m'arisponne:
"Se chiama Aronne." - "Sì," ddico, "ma ccome..."
E llei da capo m'aripete er nome,
E mme pianta strillanno: "Aronne, Aronne."
    A sta risposta io me n'aggnede in Ghetto,
E ar prim'Aronne che mme fu inzeggnato
Je lassai la pilliccia e 'r fazzoletto.
    Oh ccazzo! ho da capì pper incantesimo?!
Lei m'aveva da dì ppuro er casato
E nnò ssortanto er nome de bbattesimo.

                     7 dicembre 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti