Crea sito

LA STATURA nei Sonetti del Belli

    Te tufa tanto a tté dd'èsse schiavetto?
Oh gguarda! e a mmé mme parerìa 'na sorte.
Campi co ppoco, spenni meno in Ghetto;
Te la sscivoli mejjo da la corte,
    Nun batti all'architrave de le porte,
Pòi fà da servitore e da ggiacchetto,
Te pòi coprì cco le cuperte corte,
Te pòi stenne in qualunque cataletto;
    Entri ar teatro cor bijjetto franco
Tra ppanze e cculi; e indóve sc'è la festa
Hai la patente de montà ssur banco.
    E tte metto per urtimo guadaggno,
Che ssi vvonno azzeccatte in ne la testa,
Quarche sassata tua tocca ar compaggno.

                           28 agosto 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti