Crea sito

SEMO DA CAPO nei Sonetti del Belli

    Currete, donne mie; currete, donne,
A ssentì la gran nova c'hanno detto:
C'a la Pedacchia, ar Monte, e accant'a Gghetto
Arioprono l'occhi le Madonne.
    La prima nun ze sa, ma jj'arisponne
Quella puro de Bborgo e dde l'Archetto.
Dunque dateve, donne un zercio in petto,
E ccominciate a ddì ccrielleisonne.
    Oh ddio! che ssarà mmai st'ariuperta
Doppo trentasei anni e mmesi d'ozzio?
Bbattajje, caristie, ruvina scerta.
    Se troveno però ccert'indiscreti
Che vvanno a bbisbijjà che sto negozzio
È un antro bbutteghino de li preti.

                      17 novembre 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti