Crea sito

ER RIBBARTA-COMPAGGNIA nei Sonetti del Belli

    Annamo a l'osteria de la Corona:
Bbe'? ffavorissce lei, sor bragalisse?
Che? nnun ce vò vvenì? bbravo, pe ccrisse?
Ce ne..., mme spiego?, una bbona fattona.
    Senza la faccia sua da bbiribbisse
Tanto se bbeve, se canta e sse sona;
Perché nnoi semo ggentaccia a la bbona,
Che cce piasce a stà alegri e ddivertisse.
    Se cosci puro in de l'acquaccia sua;
E ssi jje puzza er fiato der cristiano
Pijji casa in ner Ghetto de la Rua.
    E nun facci la ronna da lontano,
Ché, ddìmolo in zegreto fra nnoi dua,
Questo puzza un tantin de paesano.

                            2 marzo 1847

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti