Crea sito

LA RITONNA

    Sta cchiesa è ttanta antica, ggente mie,
Che cee l'ha ttrova er nonno de mi' nonna.
Peccato abbi d'avé ste porcherie
Da nun èssesce bbianca una colonna!
    Prima era acconzagrata a la Madonna
E cce sta scritto in delle lettanie:
Ma ddoppo s'è cchiamata la Ritonna,
Pe ccerte storie che nun zò bbuscìe.
    Fu un miracolo, fu; pperché una vorta
Nun c'ereno finestre, e in concrusione
Je dava lume er l'uscio de la porta.
    Ma un Papa santo, che cciannò in priggione,
Fesce una crosce; e ssubbito a la vorta
Se spalancò da sé cquell'occhialone.
    E 'r miracolo è mmóne
Ch'er muro, co cquer buggero de vòto,
Se ne frega de sé e dder terremoto.

                   Terni, 7 ottobre 1831

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

Pantheon,Roma foto D.Bajani

LA ROTONDA

Questa chiesa è tanto antica, signori miei, che già la trovò il nonno di mia nonna. Peccato dover avere queste porcherie da non esserci una colonna bianca! Prima era consacrata alla Madonna e c'è scritto in quelle litanie: ma dopo si è chiamata la Rotonda, per certe storie che non sono bugie. Fu un miracolo, fu: perché una volta non c'erano finestre, e in conclusione gli dava luce l'apertura della porta. Ma un Papa santo, che ci andò in prigione, fece una croce; e subito nella volta si spalancò quell'occhione. E il miracolo è ora che il muro, con quello sproposito di vuoto, se ne frega di sé e del terremoto.