Crea sito

ER MADRIMONIO DE SCEFOLETTO

    Ha ppreso mojje, sì, una bbella donna!
Nò storta, ggnente guercia, ggnente gobba...
Propio, in cusscenza mia, 'na bbona robba,
Un fioretto in zur fà dde la Ghironna.
    È cquella che nun maggna antro che bbobba
Perc'ha ddato li denti a la Madonna:
Quella che nnoi chiamàmio a la Rotonna,
Pe li cancheri sui, la ggnora Ggiobba.
    Quella in perzona: quella in carn'e in ossa.
E vve pare mó a vvoi che Ccefoletto
Nun abbi trovo una furtuna grossa?
    Oggnuno ar monno tiè li fini sui:
E llui tiè cquello de godesse a letto
Un fraggello che ssii tutto pe llui.
   
                               8 aprile 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

Pantheon,Roma foto D.Bajani

IL MATRIMONIO DI CEFOLETTO

Ha preso moglie, sì, una bella donna! Non deforme, per niente strabica, né gobba... Proprio, in coscienza mia, qualcosa di buono, un fiorellino sul tipo della Ghironda. È quella che non mangia altro che povera minestra perché ha dato i denti alla Madonna: quella che noi alla Rotonda chiamiamo, per le sue lamentele, la signora Giobba. Quella in persona: quella in carne e ossa. E vi pare ora a voi che Cefoletto non abbia trovato una grossa fortuna? Ognuno al mondo ha uno scopo: e lui ha quello di godersi a letto un flagello che sia tutto suo.