Crea sito

PIAZZA NAVONA

   Se pò ffregà Ppiazza-Navona mia
E dde San Pietro e dde Piazza-de-Spaggna.
Cuesta nun è una piazza, è una campaggna,
Un treàto, una fiera, un'allegria.
    Va' dda la Pulinara a la Corzìa,
Curri da la Corzìa a la Cuccaggna:
Pe ttutto trovi robba che sse maggna,
Pe ttutto ggente che la porta via.
    Cqua cce sò ttre ffuntane inarberate:
Cqua una gujja che ppare una sentenza:
Cqua se fa er lago cuanno torna istate.
    Cqua ss'arza er cavalletto che ddispenza
Sur culo a cchi le vò ttrenta nerbate,
E ccinque poi pe la bbonifiscenza.

              Roma, 1 febbraio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Il sonetto letto dall'attore M.Mosetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

PIAZZA NAVONA

Piazza Navona mia può ridersela di San Pietro e di Piazza di Spagna. Questa non è una piazza, è una campagna, un teatro, un mercato, un'allegria. Vai da Sant'Apollinare a la Corsia, corri dalla Corsia alla Cuccagna: ovunque trovi roba da mangiare, ovunque gente che la porta via. Qua ci sono tre fontane erette: qua un obelisco che sembra una sentenza: qua si fa il lago quando torna l'estate. Qua si alza il cavalletto che dispensa sul culo di chi le vuole trenta frustate, e cinque poi per la Beneficenza.

Piazza Navona foto D.Bajani