Crea sito

CAMPO VACCINO. I

    Guarda, Ghitano mia: eh? ddi', tte piasce? -
Che ggrannezza de Ddio! che ffrabbicona! -
Nun è ppiù mmejjo de Piazza Navona? -
Antro! E ccome se chiama? - Er Temp'inpasce.
    Senti, Ghitano, t'hai da fà ccapasce
Che, ppe sta robba, cqui nun ze cojjona. -
Nun fuss'antro la carcia! - Bbuggiarona!
E li mattoni? Sai quante fornasce! -
    E cqua cchi cciabbitava, eh sor Grigorio? -
Eh! ttanta ggente: e ttutti ricchi, sai?
Figurete che gguitto arifettorio! -
    Che ppalazzone! nun finissce mai! -
Che? Annava a la salita de Marforio,
Prima ch'er Turco nun je dassi guai!

                               24 agosto 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

CAMPO VACCINO. I

Guarda, Ghitano mia: eh? Dimmi, ti piace? - che grandezza di Dio! Che fabbricona! - non è meglio di Piazza Navona? - Altroché! E come si chiama? - Il Temp'inpace. Senti, Ghitano, devi capire che, per queste cose, qui non si scherza. - Non fosse altro che per la calce! - Straordinario! E i mattoni? Sai quante fornaci! - E qui chi ci abitava, eh signor Gregorio? - Eh! Tanta gente: e tutti ricchi, sai? Figurati che refettorio miserabile! - Che palazzone! Non finisce mai! - Che? Andava alla salita di Marforio, prima che il Turco non causasse guai!