Crea sito

LI FICHI DORCI

    Che mmanna eh Nino? Iddio te bbenedichi:
Pròsite, porco mio: bbon pro tte facci.
Tièlli pe tté: nun zerve che li spacci:
Nun è rrobba da scèdese all'amichi.
    Senza sturbamme co li tu' ficacci,
Trovo a Ppiazza Navona tanti fichi
Da fanne scorpacciate, com'è pprichi
Ch'empieno le valisce a li procacci.
    Lo stommico, a ppenzacce, me se guasta.
Grazzie: obbrigato: se li maggni lei:
Sò ffichi de l'Ortaccio, e ttant'abbasta.
    Monghi, ciscìni, cardilatti e mmei
Me parerìano a mmé tutt'una pasta
Co sti fichi ingrassati da l'Ebbrei.

          Roma, 5 febbraio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Piazza Navona foto D.Bajani

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

I FICHI DOLCI

Che manna eh Nino? Iddio ti benedica: prosit, porco mio: buon pro ti faccia. Tienili per te: non serve che li spacci: non è roba da cedersi agli amici. Senza sturbarmi con i tuoi ficacci, trovo a Piazza Navona tanti fichi da farne scorpacciate, come plichi ch'empiono le valige ai procaccia. Lo stomaco, a persarci, mi si guasta. Grazie: obbligato: se li mangi lei: sono fichi dell'Ortaccio, e tanto basta. Monghi, cicini, cardilatti, e mei mi sembrerebbero a me tutta una pasta con questi fichi ingrassati dagli Ebrei.

Notizie

A Piazza Navona ogni mercoledì si teneva il mercato.
L'Ortaccio indicava il cimitero ebreo, probabilmente, dell'Aventino con un terreno adatto ad orti e frutteti.