Crea sito

LA SCITTA' ETERNA

    Gusto sce l'averebbe io, sor Topaj,
Che Rroma tra cqualunque priscipizzio
Campassi inzino ar giorno der giudizzio
E ppuro un po' ppiù in là ssi ccasomai.
    Ma ssempre ha ttorto marcio er zor don Tizzio,
Che la preposizzione c'avanzai
Ner dì cche sta scittà ppò ppassà gguai,
Sii dilitto d'annàcce a Ssant'Uffizzio.
    Dunque, pe llui, la riliggione e Rroma
Sò ddistinate inzieme a una cascata
Come cascheno l'asino e la soma?!
    Dunque la riliggione a st'abbatino
Nun je pò arregge si nun è affonnata
Sopr'a Ppiazza-Navona e ar Babbuino?!

                            22 aprile 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Piazza Navona foto D.Bajani