Crea sito

ER VINO E LL'ACQUA

    Io nun pòzzo soffrì ttutte ste lite
C'hanno sempre da fà Cciocco e Ffreghino,
Sii cche ccosa è ppiù mmejjo, o ll'acqua o 'r vino.
Du' parole e ssò ssubbito finite.
    Chi lloda l'acqua, io je direbbe: "Dite:
Pe bbeve un mezzo ve sce vò un lustrino.
Pe un bicchier d'acqua poi cor cucchiarino
V'abbasta un mille-grazzie, e vve n'usscite.
    Dunque che vvale ppiù? cquella c'allaga
Piazza-Navona auffa, e cce se ssciacqua
Li cojjoni, o cquell'antro che sse paga?
    E ffinarmente, a vvoi: cqua vve do er pisto.
Ch'edè, ssori cazzacci, er vino o ll'acqua,
Che vve pò ddiventà ssangue de Cristo?"

                       22 giugno 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Piazza Navona foto D.Bajani

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL VINO E L'ACQUA

Io non posso soffrire tutte queste liti che hanno sempre da fare Ciocco e Freghino, se che cosa e meglio, o l'acqua o il vino. Due parole e sono subito finite. Chi loda l'acqua io gli direi: “Dite: per bere un mezzo vi ci vuole mezzo paolo d'argento. Per bere un bicchiere d'acqua poi con il cucchiaino vi basta un mille-grazie, e ve ne uscite. Dunque che vale più? Quella che allaga Piazza Navona gratis, e ci si sciacqua i coglioni, o quell'altro che si paga? E finalmente, a voi: qua vi sconfiggo. Cos'è, signori cazzacci, il vino o l'acqua, che vi può diventare sangue di Cristo?”

Notizie

Ogni sabato e domenica di agosto Piazza Navona veniva allagata
Per deridere chi al caffè non prendeva nulla si diceva che ordinava un bicchiere d'acqua con il cucchiaino.