Crea sito

CASTER-ZANT'-ANGELO. II

    Quer buggero llì sotto ar piedestallo
Dell'Angelo, in ner mezzo de Castello,
Che ppare un cuppolone de cappello
O un zetaccio o una forma de timballo,
    C'è cchi ddisce ch'è mmaschio, bbuggiarallo!
Come li sassi avessimo l'uscello!
Eppoi l'antro ch'è femmina indov'ello
Pe ppoté ffà la razza e mmaritallo?
    Quer che cce cricca, se fa ppresto a ddillo,
Ma pprima de poté mmettesce er bollo,
'Ggna dajje tempo e staggionà er ziggillo.
    Una spesce llaggiù dde Ponte-mollo
È mmollo un cazzo, e cchi llo vò ccapillo
Se lo vadi a ffà ddà ttra ccap'e ccollo.

                         6 gennaio 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

CASTEL SANT'ANGELO.II

Quell'affare lì sotto al piedistallo dell'Angelo, in mezzo a Castello, che pare un cupolone di cappello o un setaccio o una forma di timballo, c'è chi dice che è maschio, glielo mettessero in quel posto! Come se i sassi avessero l'uccello! E poi l'altro che è femmina dov'è per poter fare razza e sposarlo? Quello che ci piace si fa presto a dirlo, ma prima di poterci mettere il bollo, bisogna dargli tempo e fare asciugare il sigillo. Una specie laggiù di Ponte-mollo è mollo un cazzo, e chi lo vuole capire le lo vada a fare dare tra capo e collo.