Crea sito

CUER CHE SSA NNAVlGA' STA SSEMPRE A GGALLA

    Si ppe 'ggni bbirbaria de sto paese
Un povèta fascessi un ritornello,
E lo mannassi pe le stampe, cuello
Guadaggnerebbe un tern'-a-ssecco ar mese.
    Cqua mme risponni tu: sto maganzese
Potrìa 'mmannisse pe vviaggià in Castello,
Dov'er guadammio der zu' ggiucarello
Sì e nno jj'abbasterebbe pe le spese.
    Mó tte reprico io cche nu lo sai
Tu er praticà de sto paese bbuffo:
Cqua cchi ha ccudrini, nun ha ttorto mai.
    Bbasta de curre a ttempo co lo sbruffo:
Eppoi, senza pericolo de guai,
Spaccia puro pe ffresco er pane muffo.

             Terni, 9 novembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

QUELLO CHE SA NAVIGARE STA SEMPRE A GALLA

Se per ogni mascalzonata di questo paese un poeta facesse un ritornello, e lo mandasse alle stampe, quello guadagnerebbe un terno secco al mese. Qua mi rispondi tu: questo traditore potrebbe prepararsi per andare a Castello, dove il guadagno del suo giochetto sì e no gli basterebbe per le spese. Ora ti replico io che non lo sai l'andazzo di questo paese buffo: qua chi ha quattrini, non ha mai torto. Basta che corre in tempo per la mazzetta: e poi, senza pericolo di guai, spaccia pure per fresco il pane ammuffito.