Crea sito

ER VENTRICOLO

    Inzinent'a Ssan Stefino-in-pesscicolo
Sò vvienuti a attaccà li bbullettoni,
Dico de sto cazzaccio de ventricolo
Che vvorebbe pijjacce pe ccojjoni.
    Lui bbutta avanti de parlà ccor vicolo
De li tozzi senz'arte de pormoni,
Com'e cquarmente drento in ner bellicolo
Ciavesse ggente, uscelli e ccan-barboni.
    Io dico che ttiè in culo farfarello;
E cquesto cqui ch'è er padre d'oggni vizzio,
Mó lo fa ffà da cane e mmó da uscello.
    Si ffussi Papa io, sto solo innizzio
M'abbasterìa pe mmettelo in Castello,
O ffottelo addrittura a Ssantuffizzio.

           Roma, 15 novembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti