Crea sito

LA POVERA MADRE I

    Eccolo llì cquer fijjo poverello
Che ll'antro mese te pareva un fiore!
Guardelo all'occhi, a le carne, ar colore
Si ttu nun giuri che nnun è ppiù cquello!
    Sin da la notte de cuer gran rumore,
Da che er padre je messeno in Castello,
Nun m'ha pparlato ppiù, ffijjo mio bbello:
Me sta ssempre accusì: mmore e nnun more.
    Sei nottate sò ggià cch'io nun me metto
Più ggiù, e sto ssempre all'erta pe ssentijje
Si mme respira e ssi jje bbatte er petto.
    Dio!, opri er core a cqueste ggente, e ddijje
Che vvienghino a vvedé ddrento a sto letto
Tutto er male che ffanno a le famijje.

              Roma, 30 novembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti