Crea sito

LASSATELI CANTA'

    Dicheno er Papa ch'è ccattivo; e cquello
Ha una bbontà dda nun potesse crede.
Badat'a vvoi, nun j'imprestate fede
A cchi pparla accusì ssenza vedello.
    Io pòzzo dì cc'ar lago de Castello
Me je bbuttai pe tterra; e llui me diede,
Con rispetto parlanno, a bbascià er piede
Co un'umirtà ppiù ppeggio d'un aggnello.
    Nun basta: mentr'io stavo in ginocchione,
S'incommidò er zant'omo d'arzà un braccio
E ddàmme puro la bbonidizzione.
    Più: pperch'io stavo llì ccome uno straccio,
Se scanzò llui medemo, e un zovranone
Lassò a mman dritta un povero cazzaccio.

               Roma, 4 maggio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti