Crea sito

ER PRESIDENTE DE L'URIONE

    Ma llustrissimo mio, cqua nun ce trovo
A llei de nun zentì cc'una campana.
Lei se vadi a informà ppe Bborgo-novo
Si cche ppelletta è sta vecchiaccia cana.
    Che sse laggna?, che jj'ho detto ruffiana?
Sissiggnora, è rruffiana, e jje l'approvo,
Ché ppò stà ttistimonia Roma sana
Si a ccasa sua sc'è ssempre ggente ar covo.
    E llei perché cquer giorno a la Ritonna
Disse miggnotta a mmé? Me maravijjo!
Sta fica è ancora sana, e nnun ze sfonna.
    E ssi vvò er giuramento, io me lo pijjo,
Ch'io so zzitella ppiù de la Madonna,
Perché llei, nun fuss'antro, ha ffatto un fijjo.

                        26 giugno 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL PRESIDENTE DEL RIONE

Ma illustrissimo mio, qui non ci trovo lei di non sentire che una campana. Lei si vada ad informare in Borgo-nuovo che pellaccia sia questa vecchiaccia cagna. Che si lagna? Che le ho detto ruffiana? Sissiggnora, è ruffiana, e glielo provo, perché può essere testimone Roma sana se a casa sua c'è sempre gente nel covo. E lei perché quel giorno alla Rotonda disse mignotta a me? Mi meraviglio! Questa fica è ancora sana, e non si sfonda. E se vuole il giuramento, io me lo prendo, che io sono zitella più della Madonna, perché lei, non fosse altro, ha fatto un figlio.


Dalle note del Belli

Ognuno dei 14 rioni di Roma aveva un Presidente di Polizia.