Crea sito

LA POVERELLA. I

    Benefattore mio, che la Madonna
L'accompaggni e lo scampi d'oggni male,
Dia quarche ccosa a una povera donna
Co ttre ffijji e 'r marito a lo spedale.
    Me lo dà? mme lo dà? ddica: eh rrisponna:
Ste crature so iggnude tal e cquale
Ch'er Bambino la notte de Natale:
Dormìmo sott'un banco a la Ritonna.
    Anime sante! se movessi un cane
A ppietà! eh armeno sce se movi lei,
Me facci prenne un bocconcin de pane.
    Siggnore mio, ma ppropio me lo merito,
Sinnò, davero, nu lo seccherei...
Dio lo conzòli e jje ne renni merito.

                                   1832/1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

LA POVERELLA. I

Benefattore mio, che la Madonna l'accompagni e la scampi da ogni male, dia qualche cosa a una povera donna con tre figli e il marito all'ospedale. Me lo dà? dica: eh risponda: queste creature sono nude tale e quale che il Bambino la notte di Natale: dormiamo sotto un banco alla Rotonda. Anime sante! Si muovesse un cane a pietà! eh almeno ci si muova lei, mi faccia prendere un bocconcino di pane. Signore mio, ma proprio me lo merito, se no, davvero, non la seccherei... Dio la consoli e gliene renda merito.


Dalle note del Belli

Nella piazza della Rotonda c'erano dei banchi per la vendita dei polli.