Crea sito

LA CCHIESA DA CONFESSASSE

   Tu ccredi che, ppe ffà la confessione,
Qualunque cchiesa sia, sempre è l'istessa,
Perché ddovunque se pò ddì la messa
Ce se pò ppuro fà le devozzione.
    Eppuro Monziggnore er mi' padrone
Te sce farebbe perde la scommessa,
Perché ppiuttosto lui nun ze confessa
Si nun va a la Ritonna: e ha gran raggione.
    Mica è la divozzion de la Madonna,
Sai?, ché in st'affari cqua llui nun fa ttesto;
Ma pper un'antra idea va a la Ritonna.
    Lui se scortica llà ssolo pe cquesto
Che tte dich'io: da quela bbùscia tonna
Li scorpioni svaporeno ppiù ppresto.

                         25 aprile 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti