Crea sito

CAMPO VACCINO II

    Le tre ccolonne llì viscino ar monte,
Dove te vojjo fà ppassà tte vojjo,
Furno trescento pe ffà arregge un ponte
Dar Culiseo 'nzinenta a Ccampidojjo.
    A mmanimanca adesso arza la fronte:
Lassù Ttracquinio se perdette er zojjo,
E ppoi Lugrezzia sua p'er gran cordojjo
Ce fesce annà la bbarca de Garonte.
    Vortanno er culo a cquele tre ccolonne,
Mó annamo all'Arco de la vacca e 'r toro;
Ma ssi ne vedi dua, nun te confonne.
    In quello sciuco se trovò er tesoro:
L'antro è ll'Arco de Ggiano Quattrofronne,
Che un russio vò ppagallo a ppeso d'oro.

                         25 agosto 1830

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

CAMPO VACCINO II

Le tre colonne lì vicino al monte, dove ti voglio far passare, furono trecento per poter reggere un ponte dal Colosseo fino al Campidoglio. A sinistra adesso alza la fronte: lassù Tarquinio perse il trono, e poi la sua Lucrezia per il grande dolore ne morì. Voltando il culo a quelle tre colonne, ora andiamo all'Arco della vacca e del toro; ma se ne vedi due non ti confondere. In quello piccolo si trovò un tesoro: l'altro e l'Arco di Giano Quadrifronte che un russo vuol pagare a peso d'oro.