Crea sito

ER PECCATO FIACCO

    Jjeri da bbon cristiano pascualino,
Pe ppaura de San Bartolomeo,
M'annai a cconfessà da cuer cazzeo
De padre Bbonifazzio a Ssan Carlino.
    Prima je disse che mme piasce er vino,
Poi che ttiro un'ombretta ar culiseo;
E cquarche vvorta, pe mmutà un tantino,
Sò de la riliggion der Manicheo.
    M'accusai de superbia ar fin de tutto.
Er confessore cqua: "Ffijjo, sei ricco?"
E cqua io: "Padre no, ssò ssempre assciutto."
    "Fijjo, cuann'è accusì, llassa fà, llassa,"
Repricò er confessore: "io me sc'impicco
Si sto peccato tuo nun te se passa."

            Roma, 2 dicembre 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti