Crea sito

LE CURZE D'UNA VORTA

    Antro che rrobbi-vecchi! antro c'aéo!
Don Diego c'ha studiato l'animali
Der Muratore, e ha lletto co l'occhiali
Cuanti libbri stracciati abbi er museo,
    Disce ch'er Ghetto adesso dà li palj
Pe vvia c'anticamente era l'ebbreo
Er barbero de cuelli carnovali
A Testaccio e ar piazzon der Culiseo.
    Pe ffalli curre, er popolo romano
Je sporverava intanto er giustacore
Tutti co un nerbo o una bbattecca in mano.
    E sta curza, abbellita da sto pisto,
L'inventò un Papa in memoria e in onore
Della fraggellazzion de Ggesucristo.

                Roma, 10 gennaio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti