Crea sito

ER ZERVITOR DE PIAZZA

    Quer fijjo mio ch'è sservitor de piazza
E ss'ingeggna un tantin de Sciscerone,
Fa una vita in sti mesi che ss'ammazza,
E mmanco ha ttempo de maggnà un boccone.
    E l'Ingresi d'adesso sò una razza
Ma una razza de lappe bbuggiarone,
Che ppe un scudaccio ar giorno ve strapazza
Come le case che ppò avé a ppiggione.
    E a Ssampietro! e a Ssampavolo! e ar Museo!
Mó a Ccampidojjo! mó a la Fernesina!
E ccurre ar Pincio! e ccurre ar Culiseo!...
    Cominceno, pe ccristo, la matina
A la punta dell'arba, sor Matteo,
E vviè nnotte c'ancóra se cammina.

                           22 marzo 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti