Crea sito

ER REGAZZO DE BBOTTEGA

    Oh, ssor mastro, tenetevel'a mmente:
Io nun me vojjo scorticà li piedi.
Voi ve sbajjat'assai: quanno ciaggnedi,
Sonava mezzoggiorno a Ssan Cremente.
    Bbe', cquanto stiedi a ttornà? cquanto stiedi?
Che?! un'ora?! Un cazzo: nun è vvero ggnente.
Vorìa che mme pijjassi un accidente
Si cce curze nemmanco un par de crèdi.
    De che?! ddar Culiseo a Ssan Giuvanni
Ce se va e cce se viè ccor un minuto?
Ce se va cco la freggna che vve scanni.
    Eppoi, senza sto scànnolo futtuto,
Si ssete stufo, a mmé mme sa mmill'anni
D'annammene e vvedé cchi è ppiù ccocciuto.

                              9 agosto 1843

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti