Crea sito

LE SSEQUIE DE LEONE DUODESCIMOSICONNO A SSAN PIETRO. II

    Prima, a Ppalazzo, tanti frati neri
La notte e 'r giorno a bbarbottà orazzione!
Pe Rrorna, quer mortorio bbuggiarone!
Cqua, tante torce e ttanti cannejjeri!
    Messe sù, mmesse ggiù, bbenedizzione,
Bòtti, diasille, prediche, incenzieri,
Sonetti ar catafarco, arme, bbraghieri,
E ssempre Cardinali in priscissione!
    Come si er Papa, che cquaggiù è Vvicario
De Crist'in terra, possi fà ppeccati,
E annà a l'inferno lui quant'un zicario!
    Li Papi sò ttre vvorte acconzagrati:
E ssi Ccristo sciannò, cciannò ppe svario
A ffa addannà li poveri dannati.

                     28 novembre 1831

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

LE ESEQUIE DI LEONE DUODECIMOSECONDO A SAN PIETRO. II

Prima a Palazzo, tanti frati neri la notte e il giorno a borbottare orazioni! Per Roma, quel mortorio spropositato! Qua, tante torce e tanti candelieri! Messe su, messe giù, benedizioni, bòtti, diasille, panegirici, incensieri, sonetti al catafalco, armi, cinti erniari, e sempre Cardinali in processione! Come se il Papa, che quaggiù è il Vicario di Cristo in terra, possa fare peccati, e andare all'inferno lui come un sicario! I Papi sono tre volte consacrati: e se Cristo ci andò, ci andò per svago a fare dannare i poveri dannati.