Crea sito

LA CCHIESA DELL'ANGELI

    Li discorzi peccristo ch'io v'intavolo,
Sor imbriaconaccio d'acquivita
Che vve snerbate er culo ar Caravita,
Nun zò ccarote da fà rride un cavolo.
    Ve dico che la cchiesa ch'er zor diavolo
Sopr'a Ffuliggno ha ttutta scompartita,
S'ha da rifrabbicà, doppo finita
La bbasilica nostra de San Pavolo.
    E ggià in un antro cuccomo der Papa
Disce che sse prepareno li fonni
Pe ffà un mijjone de fette de rapa.
    Diteme che ssi er cuccomo è dde vetro
Com'er primo, c'è 'r caso che sse sfonni,
E li cocci arimanino a Ssan Pietro

                        21 gennaio 1832

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti