Crea sito

DOMMINE-COVATI

    A Ddommine-covàti sc'è un ber zasso
Più bbianco d'una lapida de latte,
Cor un paro d'impronte de sciavatte,
Che ppareno dipinte cor compasso.
    Llì, un giorno, Ggesucristo annanno a spasso,
Trovò ssan Pietro, che, ppe nnun commatte
Cor re Nnerone e st'antre teste matte,
Lassava a Rroma er zu' Papato grasso.
    "Dove vai, Pietro?" disse Ggesucristo.
"Dove me pare", er Papa j'arispose,
Come averìa risposto l'Anticristo.
    Io mó nun m'aricordo l'antre cose;
Ma sso cch'er zasso ch'io co st'occhi ho vvisto
Cristo lo siggillò cco le carcose.

         Roma, 15 gennaio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti