Crea sito

ER GRANTURCO

    Disse er Zurtano a un tar governatore:
"Impicchete, vassallo, e tte perdono."
Er vassallo arispose ar Gran-Ziggnore:
"Dàmme un anno de tempo, e tte la sòno."
    E ggià er padrone nun sta ppiù ssur trono:
Già ccià mmesso le chiappe er zervitore:
E attenti, mordivói, ché mmó vviè er bono,
Strillò er giudio che sse cacava er core.
    Visto er Granturco a ppassà gguai lo sscetro,
Messe er tesoro suo sopra un carretto,
E scappò vvia co le puttane addietro.
    Er Papa ha ppianto, e jj'ha scritto un bijjetto,
Discenno: "Fijjo mio, curre a Ssan Pietro,
Dove se pò accordà Ccristo e Mmaometto."

         Roma, 25 gennaio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL GRAN TURCO

Disse il Sultano a un tale governatore: “Impiccati, canaglia, e ti perdono.” La canglia rispose al Gran Signore: “Dammi un anno di tempo, e te le suono.” E già il padrone non sta più sul trono: già ci ha messo le chiappe il servitore: e attenti, mordivoi, perché adesso viene il bello, strillò l'ebreo che si cacava sotto. Visto il Gran Turco a passare guai lo scettro, mise il tesoro suo sopra un carretto, e scappò via con le puttane appresso. Il Papa ha pianto, e gli ha scritto un biglietto, dicendo: “Figlio mio, corri a San Pietro, dove si può accordare Cristo e Maometto.”

Per saperne di più

Mordivoi: esclamazione degli ebrei romani del tempo.
I romani non facevano distinzione tra turchi ed ebrei.