Crea sito

ER TEMPO CATTIVO

    C'aria serrata! oh ddio che ttemporale!
Guarda, guarda San Pietro cor cappello!
Oh cche ttempo da lupi! oh cche ffraggello!
Eh cqua ssemo ar diluvio univerzale.
    Ogni goccia che vviè ppare un canale:
Fa un'acqua a vvento, un piove a mmulinello
Che nnun pòi tiené ssù mmanco l'ombrello,
E ssi ll'arregghi uperto nun te vale.
    Er celo è nnero nero com'in bocca:
E, o vvadi immezzo, o accosto a le gronnare,
Credi sempre de stà ssotto a una bbrocca.
    Le pianare sò ffiumi e nnò ppianare:
Ggià nnun c'è ppiù una chiavica che imbocca,
E 'r fiume cressce che Rripetta è un mare.
    Che sperpetua! Nun pare
Che Iddio vojji ruprì le cataratte,
E scateni li diavoli a ccommatte?
    E cche ffai, Ggiosaffatte?
Eschi da casa mó ppe ffà ddu' passi?!
Chi nnun l'ha sse la scerca, e ttu lla lassi!
    Co sti nuvoli bbassi
Speri che slarghi e cche tte dii 'no scanzo?!
Tu vvòi fà la tu' fine a Pporto-d'Anzo.
    Ma aspetta a ddoppo-pranzo:
Stamo a vvede un po' ppiù: llassa che sfoghi;
Ché cco sta lùsscia cqua, fijjo t'afoghi.

              Roma, 7 febbraio 1833

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL TEMPO CATTIVO

Che aria chiusa! Oh Dio che temporale! Guarda, guarda San Pietro col cappello! Oh che tempo da lupi! Oh che flagello! Eh qua siamo al diluvio universale! Ogni goccia che viene pare un canale: fa un'acqua a vento, un piovere a mulinello che non puoi tenere sù neanche l'ombrello, e se lo reggi aperto non ti serve. Il cielo è nero nero come in bocca: e, o vai in mezzo, o vicino alle grondaie, credi sempre di stare sotto a una brocca. Le pianare sono fiumi e non pianare: già non c'è più una fogna che raccoglie, e il fiume cresce che Ripetta è un mare. Che rovina! Non pare che Dio voglia riaprire le cataratte, e scateni i diavoli a combattere? E che fai, Giosafatte? Esci di casa ora per fare due passi?! Chi non l'ha se la cerca, e tu la lasci! Con queste nuvole basse speri che si apra e ti dia una tregua?! Tu vuoi fare la tua fine a Porto d'Anzio. Ma aspetta a dopo pranzo: stiamo a vedere un po' più: lascia che sfoghi; perché con quest'acquazzone qua, figlio t'affoghi.

Per saperne di più

Le nubi che si addensano su San Pietro, che è a ponente verso il mare,  come un cappello sono, per i romani, indizio di pioggia.
Le pianare sono “I rivi d'acqua scorrenti per mezzo alle vie in tempo di pioggia.” (nota del Belli)