Crea sito

LA CANONICA

    Oggi a Ppiazza-Colonna verzo sera
Passava in biga cor giacchetto addietro
Er fratel de quel'antro c'a Ssan Pietro
Porta er Papa p'er naso, e ffa pprimiera.
    Quanto je se fa avanti tetro tetro
Un pezzo d'omo co una faccia nera,
E jj'intona: "Ah avanzaccio de galera,
Te vojjo sfraggne er muso com'un vetro."
    Eppoi cià aggionti tant'antri malanni
De sto calibbro, che, ffuss'io quer tale,
Nun me vorìa, trovà nne li su' panni.
    Perch'è mmejjo a ssoffrì cqualunque male,
È mmejjo a mmannà ggiù ttutti l'inganni,
Che inzurtà in piazza un cammerier papale.

                              20 aprile 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti