Crea sito

LA MUSICA DE LA PADRONA

    Je disceva er maestro Confidati,
Mentr'io stavo a ppulì li cannejjeri,
Che tutti li soggetti, o ffinti o vveri,
Se ponno mette in musica adattati.
    Lui scià mmesso scinqu'ommini affamati
D'una commedia der zor Dant'Argèri;
E, un anno prima, a Ssan Filippo Neri,
Sce messe l'oratorio de li frati.
    Io medémo ho ssentito un capponcello
Ner vespero a Ssan Pietro, er primo sarmo,
De méttesce una ssedia e uno sgabbello.
    E la padrona mia s'è pperzuasa
De facce mette venti canne e un parmo
De scitazzione der padron de casa.

                    3 dicembre 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti