Crea sito

ER REGAZZO IN ZENTINELLA

    Embè? vviengo, sì o nnò? M'opri, Luscia?
Nun te chiedo antro che sta vorta sola.
Che ppaur'hai? te dico una parola
In piede in piede e mme ne torno via.
    Tìreme er zalissceggne, Lusciola;
Sbrìghete, che mmommó è la vemmaria
Der giorno, e ll'arba ce pò ffà la spia.
...............
    Come? è ppeccato er parlà da viscino?
Oh ttu, ccristiana mia, sei morto addietro,
E cconfonni accusì ll'acqua cor vino.
    Si ttu cchiudi a ddispetto der Vangelo
La tu' porta ar tu' prossimo, san Pietro
Te serrerà ppoi lui quella der celo.

                            20 marzo 1836

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti