Crea sito

ER PROSCEDE D'AGGNESA

    Lo sai d'Aggnesa? Quela bbrutta caggna
Jer a mmattina nun dormiva in chiesa?
Nu la trovai pe tterra tutta stesa,
Manco si stassi immezz'a 'na campaggna?
    "Arzete," dico: "ma davéro, Aggnesa,
Pijji le cchiese pe Ppiazza de Spaggna?"
"Eh," ddisce, "m'ha ppijjato una scecaggna...
E ddev'èsse la predica c'ho intesa."
    Dico: "E ssarebb'a ddì, ssora vassalla?"
Disce: "Oh vva' a ccerca un po', cquanno viè ssonno,
Si tte vviè o in d'una cchiesa o in d'una stalla!"
    Se ne ponno dì ppeggio, se ne ponno?
Ma nun zarebbe cosa d'ammazzalla
Per imparajje a vvive e a stà a sto monno?

                         5 maggio 1846

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

IL PROCEDERE DI AGNESE

Lo sai di Agnese? Quella brutta cagna ieri a mattina non dormiva in chiesa? Non la trovai per terra tutta stesa, manco se stesse in mezzo a una campagna? “Alzati,” dico: “ma davvero, Agnese, prendi le chiese per Piazza di Spagna?” “Eh,” dice, “m'ha preso una sonnolenza... e dev'essere la predica che ho sentito.” dico: “E sarebbe a dire, signora screanzata?” dice: “Oh vai in cerca un po', quando viene sonno, se ti viene o in una chiesa o in una stalla!” Se ne possono dire di peggio, se ne possono? Ma non sarebbe cosa da ammazzarla per impararle a vivere e a stare al questo mondo?

Per saperne di più

Piazza di Spagna era notoriamente zona di prostitute dai liberi costumi.