Crea sito

A TTETA. II

    Pe tterra, in piede, addoss'ar muro, a lletto,
Come c'ho ttrovo d'addoprà l'ordeggno,
N'ho ffatte stragge: e ppe ttutto, sii detto
Senz'avvantamme, ciò llassato er zeggno.
    Ma cquanno me sò vvisto in ne l'impeggno
Drento a cquer tu' fienile senza tetto,
M'è pparzo aritornà, peddìo-de-leggno,
Un ciuco cor pipino a ppiggnoletto!
    Eppuro, in cuanto a uscello, ho pprotenzione
Che ggnisun frate me pò ffà ppaura:
Basta a gguardamme in faccia er peperone.
    Ma cco tté, ppe mmettésse a la misura,
Bisoggnerebbe avé mmica un cannone,
Ma la gujja der Popolo addrittura!

     Morrovalle, 10 settembre 1831

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti

Il sonetto letto dall'attore M.Mosetti

Dai versi in romanesco alla prosa in italiano

A TETA. II

Per terra, in piedi, addosso al muro, a letto, come ci ho trovato d'adoperare l'ordigno, n'ho fatte strage: e per tutto, sia detto senza vantarmi, ci ho lasciato il segno. Ma quando mi sono visto nell'impegno dentro a quel tuo fienile senza tetto, m'è parso ritornare, per dio di legno, un fanciullo col pipino a pignoletto! Eppure, in quanto a uccello, ho pretesa che nessun frate mi può fare paura: basta guardarmi in faccia il peperone. Ma con te, per mettersi alla misura, bisognerebbe avere mica un cannone, ma l'obelisco del Popolo addirittura!

piazza del Popolo

Per saperne di più

L'obelisco di Ramsete II, risalente al XIII secolo a.C., che giaceva in svariati tronconi al Circo  Massimo, fu fatto collocare nel centro di Piazza del Popolo da Sisto V nel 1589. La sua più importante funzione consiste nell'essere il punto di raccolta delle tre linee prospettiche provenienti dalle tre vie individuate come un Tridente.