Crea sito

LA MORTE DER ZENATORE. II

    È mmorto er Zenatore: e ddrent'ar mese
Chi ddisce che ssii fatto Bbarberini,
Chi Ssantacrosce, chi Ssolòfro Orzini,
Chi Ppatrizzi, e cchi er Prencipe Bborghese.
    Ma er Papa, che ttiè in testa le protese
Che ccacciò ffora er Prencipe Corzini,
Ha ppavura che cquelli siggnorini
Rivojjino er commanno der paese.
    Forzi, come una vorta era er custume,
Metterà in Campidojjo un zu' nipote,
Negozziante de paste e nnegrofume.
    Dunque, si cquesto cqua ssa er zu' dovere,
Per entrà in grazzia ar zio uggni le ròte
Ar cavajjer Ghitano er cammeriere.

                   11 gennaio 1834

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti