Crea sito

ER CAVAL DE BBRONZO

    E ddàjjela cor trotta e ccor galoppa!
Io v'aritorno a ddì, ppadron Cornelio,
Ch'er famoso caval de Marc'Urelio
Un antro po' ccasca de quarto o schioppa.
    Er zor don Carlo Fea, jjeri, e nun celio,
Ce stava sopra a ccianche larghe in groppa,
E strillava: "Si cqua nnun z'arittoppa
Se va a ffà bbuggerà ccom'un Vangelio."
    L'abbate aveva in mano un negroscopico
E ssegguitava a urlà ppien de cordojjo:
"Cqua cc'è acqua, per dio! questo è rritropico."
    Disce inzomma che ll'unica speranza
De sarvà Marc'Urelio in Campidojjo
È er fajje una parèntisi a la panza.

                 1 novembre 1835

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti