Crea sito

ER CARIOLANTE DE LA BBONIFISCENZA

    Mó ss'ariscava a Ccampidojjo; e, amico,
Ggià ssò ddu' vorte o ttre cche ccianno provo.
Ma io, pe pparte mia, poco me movo,
Perch'io nun zò ppiù io quanno fatico.
    E lo sapete voi cosa ve dico
De tutti sti sfrantumi c'hanno trovo?
Che mmànneno a ffà ffotte er monno novo,
Pe le cojjonerie der monno antico.
    Ve pare un ber proscede da cristiani
D'empì de ste pietracce oggni cantone
Perché addosso ce pisscino li cani?
    Inzomma er Zanto-padre è un gran cojjone
A ddà rretta a st'arcòggioli romani
C'arinegheno Cristo pe Nnerone.

                         3 gennaio 1845

Giuseppe Gioachino Belli, Sonetti